• fullslide1
  • fullslide1
  • fullslide1
  • fullslide1
  • fullslide1
  • fullslide1
  • fullslide1
  • fullslide1
  • fullslide1

Diversus: intervista con lo chef Jonathan Beeckman

24 November 2017

Questa settimana facciamo due chiacchiere con  Mr. Jonathan Beeckman, un visionario chef belga che ha deciso di fare una scommessa speciale: aprire un ristorante di pesce nel cuore del Chianti. Così è nato  Diversus!

Come mai hai deciso di mettere su un ristorante in Italia e in particolare nel Chianti?

Ho lavorato per anni come sommelier in Francia. Poi Bernard, il proprietario de "Le Muricce", mi parlò della possibilità di venire in Toscana. Non ci ho pensato un attimo: ho preso la mia decisione e mi sono trasferito a Greve.

Raccontaci qualcosa della tua attività di cuoco e della tua vita prima di arrivare qui.

Finiti gli studi ho lavorato qualche anno in Francia (Monaco, Bordeaux, Parigi) come sommelier. Poi sono tornato in Belgio dove ho gestito un mio ristorante per circa 10 anni. Negli ultimi tre sono passato in cucina.

Un episodio divertente accaduto da quando sei in Toscana? 

Trasferirsi in Italia è in sé molto divertente... mentre stavamo sistemando il nuovo Wine Bar, questo inverno, ho imparato un bel po' di parole italiane. Come puoi immaginare, ho avuto a che fare prima di tutto con i lavoratori e gli operai che stavano ristrutturando il locale... che mi hanno insegnato subito tutte le parolacce!

Quali sono i tuoi piatti preferiti?

Amo la Bistecca, anche se preferisco non mangiarla tutte le settimane. Alcuni dei nostri colleghi qui a Greve la sanno cuocere perfettamente e sanno scegliere la carne migliore!

Dicci qualcosa della cucina in Belgio: quali sono i piatti più tipici?

Il Belgio è conosciuto soprattutto per le patate fritte e le cozze, ma ha una cucina di alto livello. Ci sono tantissimi ristoranti dove puoi mangiare ottimo pesce, carne e cacciagione.
Come mai la scelta di un ristorante di pesce? Non è un’idea strana per il Chianti?
L'idea è stata di Francesco, il proprietario dell’Albergo del Chianti,  che conosce molto bene il territorio. Ha avuto lui l'idea di fare qualcosa di  "Diversus",  e io me ne sono innamorato. Non volevo confrontarmi con altri chef toscani nel cucinare i migliori piatti della regione, volevo solo imparare e poi dare il mio tocco personale. Scegliere il pesce è stato naturale, nella regione ci sono davvero pochi ristorante di pesce...

Cosa trova di speciale il cliente che viene a mangiare a “Diversus”?  

Per me il fattore più importante è la freschezza di tutti i prodotti. Amo tutto ciò che è fatto in casa, in modo che il prodotto mantenga tutto il suo gusto originale. Preferisco un piatto con pochi ingredienti ma di alta qualità.
  
Grazie Jonathan e buona fortuna con "Diversus"!

Leggi tutti i post del blog

Lavoriamo con Passione!